Nato a Genova nel '67 - residente a Lerici (La Spezia)
Sei qui: home page > fede > Riflessioni > LA RESURREZIONE DI CRISTO
LA RESURREZIONE DI CRISTO
anno 1988

Scorgo in un termine così elevato per noi uomini il più profondo SIMBOLO PASQUALE di rinascita, inteso non fine a se stesso come replica di un "già visto" ma concretizzante un fermo proposito di avanzamento spirituale. Spesso ogni essere umano mitizza la parola "Resurrezione" in modo originale, bizzarro ed individuale. Cristo certo da a tutti la possibilità di personalizzare la propria realtà, di interpretarla in vario modo e di ambire a qualcosa che va al di la delle proprie potenzialità. Questo qualcosa di irraggiungibile e avvicinabile con una sorta di resurrezione "umana" molto spesso equivale al tesoro tanto bramato di natura materiale, al desiderio di poter continuare a non sentire "esigenze" spirituali, ben più struggenti e gravose, relegate provvisoriamente all'angolo della coscienza ed ovattate in modo molto fine da uno spavaldo senso di onnipotenza. Dopo il Sacramento della Confessione potremmo pentirci di aver attribuito alla parola Resurrezione il significato per noi più accomodante, scoprendo invece che essa, parlando chiaro, non propone un vano tentativo di "rivitalizzazione" ostinata di un qualcosa morto fin da principio; intende invece creare del nuovo, forte di una stabilità perenne. Essa conduce alla sicurezza di Dio, conquistata spesso umanamente con continui "passaggi di stato", intesi sia nell'accezione fisica, che di stati d'animo: è il CULMINE del contrapporsi di vita e morte, alti e bassi, compagnia e solitudine, speranza e sconforto, ecc.. E' appagamento di un sereno faticare, sollevato in misura maggiore o minore dai talenti che possediamo e dalla Grazia concessaci da Dio, a seconda del nostro bisogno e della Sua volontà. Spesso anche i più titubanti potranno cogliere una sorta di "aiuto", divino o umano che sia. Dio non è infastidito dalle nostre grida di invocazione: la nostra tranquillità, identificata il più delle volte dal silenzio rischia di trasgredire il comandamento di sottoporci ad esame di coscienza fatto a voce sempre più alta..

Commenta
Nome:    [Obbligatorio]
E-Mail:    [Obbligatorio]
Testo:
Privacy:
Accetto Non Accetto
Codice di controllo: z 3 w 9 k    [Obbligatorio]